mercoledì 26 luglio 2017

Il mistero di Essere



“Hai mai innalzato la tua mente fino a considerare l'esistenza, in sé e per sé, come pure atto d'esistere? Hai mai detto pensosamente a te stesso "È!", incurante in quel momento se innanzi a te ci fosse un uomo, un fiore o un granello di sabbia, senza riferirti, insomma, a questo e a quel modo o forma particolari di esistenza?

Se sei realmente giunto a questo, avrai avvertito la presenza di un mistero, che deve aver fermato il tuo spirito in timore reverente e stupore.

Le parole stesse "Non c'è nulla!" o "Ci fu un tempo in cui non c'era nulla!" sono una contraddizione in termini. C'è qualcosa in noi che respinge tali parole con l'intensità e l'istantaneità di una luce, come se esse parlassero contro l'evidenza di un fatto che è in ragione della sua stessa eternità.

Non essere, allora, è impossibile: essere, incomprensibile.
Se hai fatto tua questa intuizione dell'esistenza assoluta, avrai insieme appreso che questo e non altro era ciò che nelle epoche più antiche afferrò gli animi più nobili, gli eletti tra gli uomini, con una sorta di sacro terrore. Questo appunto fece loro sentire per la prima volta dentro di sé il presagio di qualcosa di ineffabilmente più grande della loro natura individuale”.


S. T. Coleridge





© Tora Kan Dōjō



Nessun commento:

Posta un commento