lunedì 2 aprile 2018

Schegge Budo e Zen - 2 aprile 2018






















"Tu non cercare nulla. Non c'è niente da trovare,
Niente da capire. Accontentati.
Quando verrà il loro tempo fioriranno i tigli
Sopra la tomba scavata di fresco.
Quando verrà il suo tempo si dissiperà il buio,
Scintillerà la luce rinata.
Niente è concluso, tutto continua.
E tu sarai allegro. O forse no.
Tra sparire e ricominciare
L'impossibile accade.
Come e perché non è stato svelato.
Suona nuova al principiante l'antichissima melodia.
Per cercare il senso profondo, non sprofondare.
Tu non cercare. Così lo troverai."

Masha Kaleko, Rassegnazione per principianti



"Giacché per principio si suppone che la marzialità sia ingentilita dalla cultura, è bene che il coraggio sia ammantato di umanità, ispirando un comportamento educato, umano e premuroso nella vita quotidiana. [...]
Il significato ultimo della marzialità è la gentilezza d'animo e il rispetto."

Kumazawa Banzan

Budo Sai 2016, Okinawa


"Da soli, gli esseri umani non sono poi tanto male. Ma quando si forma un gruppo, subiscono una paralisi: diventano completamente stupidi e non riescono a distinguere il bene dal male. Le loro menti vengono intorpidite dal gruppo. Io me ne sto a una certa distanza dalla società, non per fuggirla, ma per evitare questo tipo di paralisi."

Kōdō Sawaki Roshi, Kōdō il senza dimora (Uchiyama Roshi)



"Tra i fili d’erba si cela un mondo di vita e bellezza..."

Paolo Taigō Spongia Sensei





"Esistono forme di follia che sembrano normali, e maniere di vivere normali/naturali che sembrano folli..."

Alessandro della Ventura

Nessun commento:

Posta un commento