giovedì 31 agosto 2017

Non distogliere lo sguardo e muovere il passo



Commento di Taigō Sensei al libro di Philippe Petit : 
'Trattato di Funambolismo' (On the High Wire)



"Il funambolo non è una risposta al problema dell’equilibrio. 
Guardate risolutamente ciò che è teso davanti a voi. 
Ecco. Siete di fronte al cavo."

Philip Petit da ‘On the High Wire’


‘Il funambolismo non è una risposta al problema dell’equilibrio’ scrive Petit così Dōgen Zenji dopo aver descritto minuziosamente nel suo Fukanzazengi le modalità e la postura dello Zazen conclude dicendo: ‘Ma attenzione lo Zazen non ha nulla a che vedere con l’essere seduti…’.

Così lo scopo ultimo dell’arte marziale non è certo il preservarsi, la cosidetta ‘difesa personale’ ma imparare ad offrirsi totalmente alla vita accettando il rischio di vivere.

Questa vita che si tende come un cavo davanti a noi di momento in momento, da guardare risolutamente, senza distogliere lo sguardo, e che spesso ci chiede di muovere un passo sopra l’abisso.

Tutto si risolve muovendo il primo passo.
Il paesaggio si trasforma, la paura lascia il posto all’entusiasmo, alla fede e all’amore.


‘Sotto la spada alta levata c’è l’inferno che ti fa tremare, ma fai un passo avanti, e troverai la Terra della Beatitudine’ 

Miyamoto Musashi





© Tora Kan Dōjō

Nessun commento:

Posta un commento