martedì 8 settembre 2015

Appunti di un viaggio

Pubblichiamo un breve passaggio tratto dal libro curato da Alessandro Romagnoli (cintura nera secondo dan IOGKF) "Priscae Matri – Appunti di un viaggio". Si tratta di un libro di memorie che segue la vita di Ezio, il papà di Alessandro, dall’infanzia povera e felice immersa nella provincia italiana del dopoguerra, al trasloco a Roma negli anni della ricostruzione e del boom economico. Qui riportiamo un momento di passaggio, il trasferimento dal paese alla città vissuto con gli occhi spaesati di un tredicenne. Ogni trasloco, ogni cambiamento che affrontiamo ci riguarda e ci interroga in prima persona, così negli occhi sperduti di Ezio ritroviamo la nostra stessa malinconia, e la paura mista alla speranza e alla voglia di vivere. Per ben due volte nel brano il piccolo si addormenta, lasciandosi andare agli eventi. Nelle pagine che seguono altre avventure inaspettate attenderanno Ezio, che nella grande metropoli metterà radici e famiglia.

Seduto sulla soglia di casa, aspettavo. Mia sorella raccoglieva i nostri panni nell’unica valigia che avremmo portato con noi. Poggiai la schiena contro l’anta chiusa della porta e rivolsi lo sguardo verso il cielo limpido del mattino. Il sole di luglio scivolò lentamente sulla mia faccia. Chiusi gli occhi e lasciai che il calore occupasse tutto il resto del corpo e con lentezza il torpore si fece quasi sonno. Ripensai a quegli ultimi giorni trascorsi da soli, mia sorella ed io. La partenza di mamma e papà aveva lasciato un sapore amaro, intriso di solitudine. La sera, per cena, mangiavamo malinconia nell’attesa del ricongiungimento.
L’anno scolastico era terminato già da qualche settimana e nessuno ancora mi aveva detto dove avrei frequentato l’ultimo anno del corso. Tutto stava cambiando rapidamente, con decisioni prese in fretta e poco altro da dire. Un capitolo del nostro libro lo stavamo lasciando lì, in un cantuccio della piana di Santa Scolastica ed io avevo come la sensazione che stessimo dimenticando qualche cosa d’importante.
D’improvviso, poi, il fragore di un camioncino irruppe tra i vicoli, nel gruppo di case poco più sotto, spezzettando i miei pensieri. Il rumore si fece incombente, si accompagnò con dei colpi di clacson. Dischiusi gli occhi, mi alzai e scrollai di dosso il sonno e le fantasie che lo accompagnavano. Un istante dopo, quel camioncino mi si parò davanti con una frenata secca.
- Allora giovino’, pronto per il trasloco? -, gridò mio fratello Roberto, sporgendosi dal finestrino con un largo sorriso.
“Non mi pare un trasloco, ma una fuga”, pensai, ma non dissi nulla e mi precipitai a salutarlo. Roberto mi abbracciò. Poi, trattenendomi, si voltò verso il conducente del camioncino e disse: - Angelo, ‘sto regazzetto è mi’ fratello Ezio. Che te ne pare?
Tornò di nuovo con lo sguardo verso di me: - Ammazza’, te sei fatto ‘n’omo! – sentenziò.
Fece una breve pausa di riflessione, poi continuò: - Aspetta un po’… stamo nel 1955, tu sei del 1942, dunque…aho! C’hai tredici anni.
Non aggiunsi altro, guardavo Angelo lasciare il posto di guida, chiudere lo sportello con uno schiaffo e venirmi incontro. Mi strinse la mano, presentandosi: era un amico di mio fratello venuto per dare un aiuto, mi disse. Il camioncino con cassone telato, un po’ malridotto a dire il vero, era suo. Nel frattempo, Giuliana si era affacciata sulla porta di casa e chiamava Roberto, lui si voltò e gli fece un cenno di saluto. Entrammo in casa, che in tutto erano due stanze, bagno e cucinetta. Angelo e Roberto si diedero una rinfrescata e bevvero dell’acqua. Il primo mostrava d’aver fretta di iniziare, disse che intendeva ripartire nel pomeriggio per essere presto a Roma.
Facemmo un breve sopralluogo nelle stanze, elencando a voce le cose da portare via. Ai due, precisai i mobili che la mamma, prima di partire per Roma, si era raccomandata di portar via assolutamente. Tutti d’accordo, iniziammo a caricare la masserizia sul camioncino: mia sorella ed io raccoglievamo le cose più leggere, mentre Roberto e Angelo si occupavano della mobilia. L’amico di mio fratello, però, dimostrò subito di non essere un mostro di forza. O forse aveva troppa fretta di lasciare quel luogo. Sta di fatto che quando provava a sollevare qualcosa di un po’ pesante, si fermava e diceva:
- Robbe’ ma questo che lo portate a fa’? A Roma co’ du’ sòrdi, ve ne comprate uno nòvo! -
Questa scenetta si replicò più volte, finché, lui e Roberto caricarono in pratica solo le cose più leggere e meno ingombranti, seppure, alle tre del pomeriggio, il cassone del camioncino fosse riempito. Facemmo una pausa per darci una rinfrescata, quindi, salimmo a bordo: Angelo alla guida, Roberto e Giuliana in cabina. Sul cassone, tra la mobilia accatastata e la sponda, si trovò pure un posticino per me. Poi Angelo avviò il motore e partimmo.
In questo modo sbrigativo lasciavo, dunque, i miei monti e il mio paese, mentre mi chiedevo quando, e se, sarei tornato. Non riuscii a portare neanche un saluto ai miei amici d’infanzia, né un abbraccio ai pochi parenti rimasti. Accovacciato contro la sponda del camioncino, stretto nel mio posto, vedevo strade e case allontanarsi, farsi sempre più piccole. Ogni singola cosa scivolava via dal mio sguardo, lasciando un esile velo sugli occhi. Mi sforzavo di non perdere nulla alla vista. Neanche la più piccola tessera del mosaico che dietro di noi andava rompendosi. Soffocai un ultimo addio nel mio petto, intanto che la strada si scioglieva in curve che mi sbattevano qua e là. Stremato, lasciai cadere la testa all’indietro e mi addormentai.








_______________________________________
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto
viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n. 62 del 07 Marzo 2011.
_______________________________________
                                                                        
                                                                               © Iogkf Italia

Nessun commento:

Posta un commento