giovedì 11 maggio 2017

Essere Intimi a Sé Stessi


Se iniziamo a meditare, iniziamo a vedere la nostra situazione psicologica in un modo molto preciso e diretto.


Penso che il problema fondamentale che abbiamo tutti sia quello dì essere molto critici nei nostri confronti, fino al punto di essere addirittura i nostri nemici.


La meditazione è un modo di placare questi litigi, di accettarci, di fare amicizia con noi stessi. Forse non siamo così male come ci è stato detto. Forse scopriremo anche che la meditazione non è qualcosa di esotico o fuori dalla nostra portata così da essere irraggiungibile. La pratica della meditazione è qualcosa che avviene ad un livello molto personale. Comporta un rapporto intimo con noi stessi. Si tratta di una grande intimità.


Non ha nulla a che fare con la percezione, con qualche stato assoluto o altre cose simili.


È puramente entrare in ciò che siamo, esaminando realmente i nostri concreti processi psicologici senza provare vergogna. È entrare in modo preciso e completo in ciò che siamo. È amicizia con sé stessi. Se non riusciamo a fare amicizia con noi stessi non possiamo avere speranze. Se ci abbandoniamo, pensando di essere incapaci o stupidi siamo privi di un punto di partenza. Se assumiamo questo atteggiamento siamo costretti a cercare continuamente qualcosa che sia molto meglio di noi stessi.


E questo tentativo di superarci fino all'ultimo può continuare eternamente. E in effetti è proprio quello che facciamo.


C. Trungpa



_____________________________________________________________________________________
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07 Marzo 2011
_____________________________________________________________________________________

Nessun commento:

Posta un commento