giovedì 21 agosto 2014

Equilibrio, Purezza, Bellezza, Energia.






" Le guerre e le tragedie familiari nascono dall'incapacità di adattare le tradizioni ai tempi che cambiano. La Via della verità si apre quando si segue il corso della storia. Dopo la prima guerra mondiale l'umanità intera era stanca di tante atrocità e sofferenze, eppure si produsse la seconda guerra mondiale. Solo quando l'umanità si trova nella catastrofe, è capace di tagliare il suo legame con il passato. Dobbiamo e possiamo trovare una soluzione che non sia quella della guerra. La terza guerra mondiale non deve prodursi in questo mondo. Oggi tutti sanno che se si produce sarà l'ultima. Il secolo ventunesimo può essere l'inizio di un'epoca meravigliosa, di una cultura planetaria per l'umanità intera. Il mondo dev'essere un'unica famiglia, ogni Stato una grande provincia di un grande Paese.
Il numero dei politici cresce, ma la povertà non diminuisce. Gli avvocati sono sempre più numerosi, ma la criminalità aumenta. Le malattie si diffondono come un'epidemia, di pari passo col numero dei medici. Ci sono molte università e molti professori, ma mai la saggezza è stata così rara. I mezzi di comunicazione si perfezionano in qualità e velocità, ma mai l'uomo si è ritrovato tanto solo. La scienza si è sviluppata prodigiosamente, ma l'aria che respirano i cittadini è contaminata. La meravigliosa tecnologia moderna è concentrata sulla produzione di armi per uccidere. I valori attuali sono prodotti da una visione distorta. E' un problema comune a tutti i Paesi del mondo.
In Europa oggi molti si rivolgono allo Zen, ma non possono com-prenderlo unicamente attraverso i libri, il pensiero, l'intelletto, bisogna praticare. Lo Zen esiste nella pratica, nella ripetizione della pratica. Anche se si sono compresi i benefici dello Zazen, è difficile perseverare. Ma se lo fate, possedete un tesoro inestimabile. Quando si abbandona il piccolo ego, il cosmo intero diventa l'ego. Così, attraverso i sensi, possiamo respirare, guardare, sentire tutti i suoni, avvertire i sapori e i profumi...È' il vero Zen Shikantaza.
Manteniamo un atteggiamento corretto, privo di paura, fermo. Da un lato risoluti, con una postura forte, e dall'altro delicati ed eleganti, come il profumo del sandalo o dell'incenso.
Il vero Zen è l'equilibrio, la soluzione morale realizzata nella vita quotidiana seguendo l'ordine cosmico assoluto, attraverso il corpo e lo spirito. L'equilibrio è primordiale. Troppo spiritualismo, troppo ascetismo, troppe mortificazioni, o troppa esuberanza, troppi piaceri non sono l'equilibrio. Penso che gli Europei siano molto intelligenti, e che troveranno la Via, la loro Via, verso una terza civiltà, una civiltà equilibrata. Lo Zen è tradizione, ma non solo. Deve creare un nuovo dinamismo, un ordine nuovo. Abbiamo bisogno di una nuova morale. Invito i giovani all'equilibrio, alla purezza, alla bellezza, all'energia.
Li invito all'applicazione di questi dieci principi, tratti dallo Zen:
1)Temere l'ordine cosmico. Non bisogna aver paura di nient'altro, solo l'ordine cosmico è da temere, da rispettare.
2) Risvegliarsi. A che cosa? Alla coscienza cosmica, alla vita universale. È il Satori, la più alta dimensione dell'universo.
3) Essere felici. Vale a dire, amare tutte le esistenze.
4) Credere. In che cosa? Non dubitare, a partire da tre principi: Zazen è fede, Zazen è Risveglio, Zazen è amore per tutto l'universo.
5) Alzarsi presto, con il sole.
6) Sedersi quietamente. È Zazen, l'essenza dello Zen.
7) Alzarsi e camminare. Non si fa sempre Zazen. Ma bisogna alzarsi tranquillamente; il portamento è importante.
8) Mangiare il giusto, prodotti freschi e naturali. Non troppo. Se vi offrono del cibo, non prendetene troppo, ma mangiate tutto quello che vi si dà. Differenziarsi dagli altri, fare i delicati, non è utile, il corpo diventa nervoso e fragile.
9) Lavorare. Mettere in ordine, concentrarsi su quel che si fa. Dormire presto e profondamente.
Alla fine, non bisogna cercare di raggiungere uno scopo: solo allora lo si realizza inconsciamente, naturalmente, automaticamente. Kodo Sawaki diceva del Satori che corrisponde ad una totale disgrazia, una perdita assoluta; in altri termini, allo spogliarci, al morire a noi stessi.
Che cos'è un vero-dono? È non attendersi nulla in cambio.
Attraverso il dono del proprio corpo, dello sguardo, delle parole, trasmettere agli altri un sentimento di sicurezza, di fiducia, di sollievo. Se siete egoisti, avrete molti problemi di relazione. Se il nostro spirito non si attacca a nulla, non c'è da temere. La vera compassione consiste in questo abbandono, comincia e finisce qui."


Taisen Deshimaru Roshi





_______________________________________

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto
viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n. 62 del 07 Marzo 2011.
_______________________________________

                                                                        

                                                                               © Iogkf Italia